Bar Suavis 6 – Elfo 2

Finalmente l’Elfo si trova a giocare questo attesissimo derby contro gli avversari storici del Bar Suavis: il primo di questi 79 incontri si svolse nel lontano 1966, quando l’Elfo e il Bar Suavis non esistevano ancora. Si doveva parlare di calcio, e invece si è costretti a lasciare spazio alla cronaca: si sapeva che questa partita era molto sentita dalle tifoserie, addirittura si vociferava che il Viminale avesse ordinato di giocarla a porte chiuse: i tifosi, invece, sono accorsi in massa e subito si sono verificati dei tafferugli. La polizia ha identificato due capi ultrà estremamente pericolosi, tali Roberto Cappellettivic e Angelo Bogdanov. Il primo ha disturbato i giocatori per tutta la partita con cori insensati e striscioni poco chiari, il secondo (data la stazza) si limitava a coprirgli le spalle, e lo faceva molto bene.
In questo clima surreale si è giocata la partita, con un primo tempo molto combattuto e terminato 3 a 2 per i padroni di casa, ma con gli elfici che si sono mangiati le mani per le occasioni sprecate in attacco.

I temibili capi ultrà Roberto e Angelo
I temibili capi ultrà Roberto e Angelo

Nel secondo tempo la tensione ha avuto la meglio e gli ospiti hanno faticato a tenere il ritmo del Suavis: i rossi hanno segnato altre tre volte portando il risultato sul 6 a 2 grazie a azioni di contrattacco molto veloci, mentre gli arancioneri (con la seconda maglia nera) devono incassare anche la prima espulsione della loro storia, subita dal nervoso Carlo per un diverbio con l’arbitro.
A partita finita, mentre le squadre si riappacificavano negli spogliatoi mangiando una gustosa torta, le forze dell’ordine giunte in massa arrestavano Angelo Bogdanov (ci sono volute 8 camionette zeppe di celerini per fermarlo). Il capo ultrà Roberto, invece, è riuscito a scappare nelle campagne fiorenzuolane, e si narra che adesso viva nutrendosi di muschi, licheni e bacche, urlando a squarciagola cori contro i trattori che gli attraversano la strada.

L'arresto di Angelo Bogdanov
L'arresto di Angelo Bogdanov

Formazione: Matteo, Denis, Gigi, Andrea, Carlo, Paolo (1 gol), Antonio (1 gol), Francesco.

4 commenti


  1. Complimenti all’autore dell’articolo!!
    Il dispiacere è grande per il match, comunque le forze dell’ordine sono riuscite a salvare l’elfo da una indecorosa sconfitta a tavolino nonostante i 2 capi ultras abbiano tentato di tutto per emulare il loro “fratello maggiore” Ivan Bogdanov.

    W Elfo


  2. Bravi bravi, facciamo spendere i soldi dei contribuenti in camionette per questi facinorosi, è un’indecenza!

    E’ un chiaro ricatto di Angelo che è stato pagato dal governo di Suavis per organizzare i tafferugli.

    E comunque Hulk è più forte della Cosa


  3. u u u u u u u u u u u u u!!!!


  4. ciao ragazzi la partita realpodenzano-gispiacenza è finita 7-5

    olè

    ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.