Elfo 2 – Arsenal 0

Questa è la sera in cui vanno raccontate due favole, agli estremi di un campo da calcio: le favole di un portiere ritrovato e un attaccante rinato.
Partiamo dalla porta: c’era una volta un attaccante che non segnava. Ci provava di testa, di piede, al volo, in dribbling, ma niente, la palla non entrava mai. A questo punto, vista l’emergenza in porta per la partita della sera, decide di ritornare al suo primo amore dei tempi della scuola e si rimette i guantoni per difendere la porta elfica. E finisce imbattuto, conquistando la seconda vittoria della stagione.
La seconda favola riguarda quella di un attaccante, martoriato da un grave infortunio: l’operazione, la riabilitazione, il lento recupero sembrano un tunnel da cui non si esce mai. Eppure, dopo alcune breve apparizioni, gioca l’ultima mezzora di partita, sull’1 a 0, con svariate birre e alcolici in corpo, e nel momento decisivo su contropiede con un tocco vellutato da 30 metri beffa il portiere con un pallonetto millimetrico e ritorna al gol dopo quasi un anno, suggellando la vittoria della squadra.

La formazione dell'Elfo vittoriosa contro l'Arsenal
La formazione dell'Elfo vittoriosa contro l'Arsenal

Il resto solo fredda cronaca: i leoncini giocano in casa contro l’Arsenal, temibile terza forza del campionato. DOpo un avvio traballante in cui la difesa rischia molto, gli arancioneri prendono le misure dell’avversario e coraggio. Il primo tempo finisce 0 a 0.
Nella ripresa i padroni di casa acquistano ancora più convinzione, gli inglesi si mostrano traballanti dietro e infatti il DiBio riesce a rubare palla a Tony Adams e servire Pippo per l’1 a 0. Gli ospiti si buttano in avanti, sfiorano il gol con Henry e Overmars, ma nel momento di massima pressione arriva il gol di Alex che chiude la partita. 2 a 0 e l’Elfo ritorna alla vittoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.